lavarsi il viso come gesto d’amore verso se stesse

“Cadendo, la goccia scava la pietra, non per la sua forza, ma per la sua costanza.” – Lucrezio

Dubito Lucrezio ne capisse qualcosa di pelle e cosmesi in generale; pero ha ragione. Per scavare lo strato di impurita’ che ci impedisce di risplendere radiose come uno spruzzo di sole bisogna lavarsi con costanza la faccia.

Io personalmente vivo in una grande citta’ inquinata; la sera, se provo a passare un fazzoletto umido sul viso, il colore di quello che strofino via un po’ mi inquieta: dormire con quella patina di schifezze sulla mia faccia non e’ un’opzione valida.

acqua

Anche dormire con il trucco sopravvissuto tenacemente alla giornata trascorsa non e’ il massimo; e a dirla tutta persino le creme lasciano in superficie dei residui che dopo un certo numero di ore andrebbero lavati via.

NO AGLI STRATI STRATIFICATI

Dunque la nostra pelle va trattata bene, e tenuta pulita: non dobbiamo lasciarla soffocare sotto strati stratificati di varie applicazioni di creme, trucco, inquinamento atmosferico.

Quindi non abbiamo scelta. Perche’ la pelle e’ un organo, che come qualsiasi altro organo e’ costutuito da tessuti, e i tessuti sono fatti da cellule. Questa nuova visione della pelle non come semplice involucro, ma come un organo vero e proprio di cui prendersi cura, ci fa capire quanto sia imprtante non lasciare che venga soffocato da inquinanti atmosferici, e residui di creme e trucco. Altrimenti la pelle assume quell’aspetto spento che nessun illuminante – nemmeno quello di Fenty Beauty (!!!) – potra’ mai riaccendere.

La pigrizia e’ il peggior nemico di tutta questa faccenda: vi consiglio di considerarlo come uno spazio temporale solo vostro. Io mentre mi lavo la faccia rifletto su un sacco di cose a caso, mi perdo nei miei pensieri; tanto c’e’ l’acqua fresca a riportarmi sulla terra. Dovete essere gelosissime di quei minuti che dedicate alla cura di voi stesse, dovete difenderli. Dando importanza a questo gesto, la pigrizia non sara’ piu’ tentatrice.

STEP 1:

Prima cosa da fare? Rimuovere la maggior parte del trucco e delle impurita’.

Come? Io uso un panno struccante in microfibra come questo.

Perche’? Perche’ gli struccanti bifasici o in latte li ho sempre trovati scomodi; mentre le salviette struccanti mi piacciono come formato, ma mi hanno troppo spesso irritato il contorno occhi.

E come funziona? Semplicissimo: si bagna con acqua tiepida e si usa esattamente come una salvietta struccante. E’ semplice, riutilizzabile quindi a basso costo e a basso impatto ambientale e, soprattutto, decisamente efficace!

Makeup Eraser

GLOV

Meersee

FABCARE

Due accortezze

– compratene piu’ di uno, cosi’ da usarne sempre uno pulito

– lavatelo secondo le indicazioni riportate sull’etichetta del prodotto; quello che vi consiglio io e di aggiungere sempre un additivo igienizzante (tipo Napisan – per intenderci) in lavatrice, o utilizzare un sapone antibatterico per lavaggio a mano.

Vogliamo evitare di coltivare batteri che andremmo a distribuire su quella stessa pelle che stiamo cercando di pulire.
Io consiglio questo passaggio anche a chi non usa truccarsi, perche’ l’azione meccanica aiuta a pulire bene i pori ed esfoliare dolcemente il viso.

Gia’ con questa semplice azione, avrete restituito alla vostra pelle gran parte della sua freschezza e luminosita’. Per chi ha superato la prima prova, c’e’ il secondo step. E qui le cose si fanno interessanti.


INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.

Powered by:

la cosmetologa

la cosmetologa

Alchimista

Nel corso dei suoi interminabili – e non ancora terminati studi, comprensivi di biologia e della chimica piu’ ostica, l’alchimista del trio ha avuto modo di condurre ricerche anche nel vasto e spesso spaventoso campo della cosmesi. L’obbiettivo finale: il miglior rapporto qualita’/prezzo, nel rispetto della propria pelle e capelli. Cosi’ si e’ guadagnata il titolo di Cosmetologa: sperimenta su di se’, per consigliarvi solo il meglio.

SONO UN PUBLISHER RICONOSCIUTO:

Ti ricordo che, seppur potrei ricevere una piccola commissione sugli acquisti effettuati tramite i miei link, mi impegno a proporti solo prodotti che realmente consiglio, tramite siti che io stessa uso regolarmente.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *