LA COSMETOLOGA

Oscar Wilde diceva che “il volto di una donna è la sua migliore opera di finzione”.

Potrete essere d’accordo o dissentire, ma: che si tratti del trucco, dello sguardo, del modo di parlare o di sbattere le ciglia… Sono tutte cose che sono proprie ad ognuna di noi, con una segretissima ed unica formula magica che ci rende l’opera d’arte vivente che siamo. E vige la severa regola che ogni artista conosce molto bene:

Migliore è la base, migliore è il risultato finale.

E non fraintendetemi, la mia non è discriminazione: io sono razionalmente obiettiva.

Grace Kelly era probabilmente impeccabile anche senza un filo di trucco. Mariangela Fantozzi… lei poverina anche se avesse avuto una truccatrice personale a disposizione 24/24 e 7/7, non avrebbe risolto granché.

Ma nella mezza misura fra una dea quale Grace, e un troll fantozziano, ci siamo tutte noi comunissime donne.

Nel mare sconfinato di tutte le esigenze di tutte le donne di tutti i paesi di questo mondo, fortunatamente oggigiorno ci si può sbizzarrire nel trovare qualsiasi tipo di soluzione affinché ognuna di noi si senta valorizzata secondo il proprio personalissimo gusto.

Ma ripeto: prima di tutto la base.

Perché insisto così tanto? Perché negli anni ho scoperto che non esiste sensazione più bella del sentirsi “liberata” da un qualcosa che ti opprime. Io, ad esempio, mi sentivo costretta dalla mia bruttissima e brufolosissima pelle ad essere sempre pesantemente stuccata (perché in certi casi non è trucco, ma stucco!) da quando mi alzavo la mattina a quando andavo a letto la sera.

E il vero dramma è che tutto questo trucco non faceva che peggiorare la mia condizione e risultava semplicemente un goffo e visibilissimo tentativo fallito di camuffare una situazione disastrosa. Quando ho finalmente capito che nemmeno il miglior fondotinta sul mercato avrebbe fatto sparire magicamente i miei difetti, ho cominciato a prendermi cura della mia pelle con amore, pazienza e un po’ di astuzia.

Il risultato? Sono finalmente una donna libera, che per vanità si trucca, ma che principalmente la mattina si sveglia tardi, e non fa in tempo ad imbellettarsi come vorrebbe.

È un problema? Non più: posso permettermi di uscire di
casa con solo della crema idratante in viso e sentirmi comunque bellissima. Sono pienamente a mio agio
con me stessa così come mamma mi ha fatta, e non sono più schiava del senso di inadeguatezza che
scaturiva dai miei difetti.

Ho sbattuto la testa e sono impazzita all’improvviso? No.
Uno dei miei brufoli sulla fronte si è evoluto in terzo occhio della saggezza? No.
Sono invecchiata e sono cambiate le mie priorità? No.

Ho corretto quei difetti che si potevano eliminare, ed ho classificato i restanti come “tratti distintivi”.

E Quindi? Quindi mi sono lavata la faccia. Letteralmente.

Ho studiato un mio mantra quotidiano all’acqua fresca (e non solo) che ho deciso di condividere con voi. È
un viaggio lungo alla ricerca della miglior sensazione che un rituale di bellezza possa dare, e comincia qui.

ROUTINE DELLA MATTINA

Cosa fare al risveglio per avere una faccia sveglia.

ROUTINE DELLA SERA

Come permettere anche alla pelle di riposare.

DETERGENTI

Tutto quello che vi serve sapere sulla routine del “Double Cleansing”.

Lavarsi il Viso

Il primo step di ogni rituale di bellezza è l’acqua: come lavarsi il viso per una pelle sana e radiosa.

INSTAGRAM

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.

Powered by:

SONO UN PUBLISHER RICONOSCIUTO:

Ti ricordo che, seppur potrei ricevere una piccola commissione sugli acquisti effettuati tramite i miei link, mi impegno a proporti solo prodotti che realmente consiglio, tramite siti che io stessa uso regolarmente.

la cosmetologa

la cosmetologa

Alchimista

Nel corso dei suoi interminabili – e non ancora terminati studi, comprensivi di biologia e della chimica più ostica – l´alchimista del trio ha avuto modo di condurre ricerche anche nel vasto e spesso spaventoso campo della cosmesi. L´obbiettivo finale: il miglior rapporto qualità/prezzo, nel rispetto della propria pelle e capelli. Così si è guadagnata il titolo di Cosmetologa: sperimenta su di sè, per consigliarvi solo il meglio.